Chiamaci: +39 041 976189

Risorse Umane e Organizzazione - Interconsulting

Risorse Umane e Organizzazione

Risorse Umane e Organizzazione

Servizi per:

  • L’acquisizione di contributi in conto capitale per la Formazione dei dipendenti con progetti monoaziendali per il miglioramento organizzativo e gestionale, marketing, internazionalizzazione, digitalizzazione. Innovazione organizzativa e sviluppo competitivo.
  • Uso degli strumenti di formazione finanziata e di finanza agevolata per la formazione operativa e la consulenza nelle imprese.
  • Formazione “on the Job” con progetti di formazione /azione. “Imparare Facendo”.
  • La Formazione, quale strumento di affiancamento e supporto nei progetti di revisione organizzativa, di sviluppo aziendale ed in particolare nella sicurezza;

Servizi di:

  • Temporary Manager
  • Innovation Manager

La crescita delle risorse umane, delle loro competenze e l’organizzazione dell’attività operativa, tramite processi formativi e di affiancamento, è un tema di pressante attualità per l’attuazione dei percorsi di cambiamento e di  accelerazione delle azioni per lo sviluppo competitivo dell’impresa.

Interconsulting si è oramai distinta nella progettazione ed attuazione di interventi di formazione che affianchino e sostengano i processi di cambiamento, di miglioramento della gestione corrente e di innovazione con un particolare supporto a processi operativi e decisionali complessi, creando nel contempo quel capitale umano specializzato che costituisce la struttura portante per il consolidamento e lo sviluppo dell’impresa.

Le esperienze maturate hanno consentito, tramite l’introduzione di nuove tecniche didattiche e di nuovi strumenti interattivi, di arrivare a raggiungere risultati molto significativi. E’ oramai assodato che lo sviluppo dell’impresa non dipende solo dalle risposte del mercato, ma anche da un’attenta governance della sua gestione (costi interni, tempi di risposta, reputazione, know how, dinamiche finanziarie, ecc.), dalla qualità e preparazione delle proprie risorse umane ed infine dal grado di competitività che l’azienda può raggiungere grazie al lavoro di squadra. Tutti questi elementi concorreranno a creare la mappa di pianificazione dell’impresa e la definizione della sua strada futura.

Attraverso la guida di docenti esperti provenienti dai mondi delle Professioni, del Management, delle Università, della Ricerca è possibile definire programmi formativi ed applicativi di assoluta eccellenza che consentiranno, come nel caso della formazione continua, di produrre risultati di cambiamento di assoluto valore.

I servizi di INTERCONSULTING per la formazione, finanziata e non, si classificano in base ai settori aziendali ed all’appartenenza ad una delle tematiche che di seguito riportiamo. Ogni area tematica raggruppa interventi che potranno variare per finalità, contenuti e destinatari.

Si citano di seguito, a titolo indicativo e non esaustivo, alcune tipologie di aree tematiche su cui sono stati sviluppati significativi  progetti formativi:

  • La Gestione Avanzata dell’Impresa
  • La crescita professionale del personale, ovvero interventi rivolti alla sviluppo di conoscenze e competenze per pianificare e gestire al meglio l’insieme di attività necessarie alla gestione ottimale dell’impresa
  • L’impego degli strumenti Lean (Lean Organisation, Lean Office, Lean Production, Lean Manufacturing, Lean Cost, Lean Thinking ecc.) e collegati così come richiamati in sigla: “Just in time, Kanban; 5S, 6S; 5 Perché; Total Productive Maintenance (TPM); Lean Six Sigma, Takt time; Layout razionalizzato; Livellamento della produzione; Cellular manufacturing; Kaizen; SMED(Attrezzaggio Veloce); Value Stream Maping,” ecc.
  • L’Internazionalizzazione dell’impresa
  • La logistica dinamica e smart
  • Il rilancio dell’impresa tramite la sua competitività
  • L’impresa digitalizzata
  • La Sicurezza, ovvero gli adempimenti formativi previsti nel testo Unico della Sicurezza D.Lgs.81/2008

Le attività formative supportano quasi sempre Progetti di: cambiamento, miglioramento, innovazione.

L’organizzazione

I Progetti di formazione finanziata caratterizzati per innovatività e mirati a rafforzare la competitività delle imprese nonché il rilancio delle stesse, tramite la realizzazione di progetti di innovazione e cambiamento organizzativo, portano a:

  1. Il Miglioramento dell’offerta dei prodotti e l’incremento di opportunità di business legate anche a brevetti, altri diritti di proprietà industriale, certificazioni ;ecc.
  2. L’Ottimizzazione e l’efficientamento dei processi aziendali (Lean Production, Lean Organisation) tramite il  miglioramento degli standard di qualità e  di management;
  3. La Gestione sostenibile delle risorse naturali e riduzione dell’impatto ambientale mediante l’utilizzo efficiente delle risorse idriche, energetiche e di fonti rinnovabili;
  4. L’ Ottimizzazione delle performance economiche dell’impresa in un’ottica di miglioramento della gestione delle politiche finanziarie e di accesso al credito;
  5. Lo  Sviluppo di strumenti innovativi di marketing e di comunicazione;
  6. Il Potenziamento delle capacità commerciali e di internazionalizzazione delle imprese;
  7. Il Miglioramento e ottimizzazione dei trasporti e della logistica;
  8. La Sperimentazione di nuove modalità di accesso al capitale sociale e di  partecipazione alla gestione e ai risultati dell’impresa;
  9. Le Strategie per la continuità d’impresa e la gestione del passaggio  intergenerazionale;
  10. L’Integrazione di approcci di external engagement e di  innovazione sociale.

L’organizzazione di Interconsulting ha un chiaro orientamento verso lo sviluppo del mercato delle imprese, del know how delle organizzazioni e delle nuove competenze per la migliore esecuzione dei progetti affidati dal cliente. Ciò comporta che i servizi di Interconsulting sono in continuo progress per rispondere con largo anticipo alle esigenze della committenza e a tal fine Interconsulting si avvale di staff di professionisti, in aggiornamento continuo, specializzati in varie discipline specifiche e tra loro complementari in grado di fornire i migliori servizi alle condizioni più vantaggiose.

Una volta individuate le esigenze del cliente Interconsulting effettua, in relazione ai risultati attesi, uno studio preliminare di fattibilità per poter offrire i propri servizi utilizzando, laddove disponibili, le risorse pubbliche in modo da non pesare sulla situazione finanziaria corrente.

Oggi, stante la situazione di crisi nazionale ed internazionale, i fattori strategici su cui puntare per il consolidamento e lo sviluppo dell’impresa sono quelli legati all’innovazione organizzativa e all’internazionalizzazione e specificatamente su questi temi Interconsulting punta per contribuire alla rimozione dei fattori di criticità presenti nelle imprese. Grazie alle esperienze maturate nei vari settori merceologici  in cui ha finora operato Interconsulting è in grado di interfacciarsi con l’impresa senza appesantirne l’attività, anzi con l’implementazione delle tecniche LEAN e BENCHMARKING, la consulenza potrà portare fin dal suo ingresso significativi interventi di miglioramento e cambiamento.

Per ogni tipo di intervento Interconsulting propone specifici team di consulenza che favoriranno l’implementazione di strumenti di organizzazione e gestione mirati a migliorare le performance della azienda intervenendo sulla valorizzazione della qualità dei prodotti, dei servizi, della flessibilità, della razionalizzazione dei costi, sia diretti che di gestione, prendendo spunto ad esempio dai principi e dalle tecniche LEAN (lean thinking, lean organization, lean production, lean manufacturing, lean cost accounting, le tecniche “AGILE”, i TOC ( Teoria dei Vincoli) ecc.) e da quelle di BENCHMARKING nazionale e internazionale. Interconsulting propone un approccio estremamente concreto ed efficace per organizzare e migliorare l’azienda ovvero l’approccio integrato Lean Thinking.

Questo metodo investe TUTTE le funzioni dell’organizzazione e si propone di aggredire gli sprechi e realizzare un flusso scorrevole di creazione del valore, definito e “riconosciuto” dai clienti, dalla progettazione fino alla gestione degli ordini.

L’intervento di Interconsulting propone per la Direzione Aziendale il supporto nella definizione della strategia aziendale e della struttura organizzativa, nella gestione delle risorse umane (clima aziendale, definizione dei piani di carriera, sistema premiante, formazione, nella gestione del cambiamento “Change Management”).

La scelta del modello ottimale da adottare deve essere fatta solo dopo studi approfonditi basati su indagini di mercato, previsioni di vendita, analisi dei processi e calcoli di convenienza economica: l’apporto dei consulenti Interconsulting in queste fasi può essere di grande aiuto. Grazie inoltre alla integrazione dei rapporti tra gli ambienti scientifici, accademici ed imprenditoriali e alle relazioni con le Istituzioni per l’implementazione dell’innovazione organizzativa, l’attività di consulenza di Interconsulting può considerarsi una “cinghia di trasmissione” fra la cultura di impresa a carattere internazionale e le aziende clienti.

La caccia alla competitività dell’impresa e l’adozione del modello organizzativo ottimale rappresentano due punti strategici con cui avviare la collaborazione tra impresa e struttura di consulenza.

Projects & Management

I cambiamenti sostanziali in azienda solitamente si realizzano tramite interventi a progetto, piccoli o grandi che possano essere, secondo metodologie professionali e con l’impiego di risorse qualificate in grado di aiutare a raggiungere gli scopi nel rispetto degli impegni.

Al di fuori di detto schema il raggiungimento dei risultati diventa sempre molto difficile e complicato e spesso antieconomico.

I servizi di Interconsulting si caratterizzano proprio per essere di aiuto all’impresa nel difficile compito di realizzare i cosiddetti processi speciali o particolari, ovvero quelli che non rientrano nella attività corrente, in base alle esigenze dell’azienda e le modalità necessarie per il loro soddisfacimento, tra questi si inserisce il servizio di Projects & Management.

Il Project Management, ovvero le tecniche per Gestione di Progetti Aziendali riguarda i molteplici aspetti primo tra tutti quello di realizzare una metodologia aziendale propria per affrontare tematiche di diversa natura che via via si possono presentare. A tal fine diventa prodromica la scelta della crescita delle competenze dei soggetti che saranno i Project Managers e/o i Project Leaders in grado di usare tecniche e buone pratiche per pianificare e gestire al meglio l’insieme di attività necessarie per la realizzazione di un progetto.

I progetti aziendali, chiamati anche progetti speciali, più ricorrenti riguardano le seguenti tematiche:

  • Lo sviluppo delle strategie aziendali e la loro attuazione, ovvero interventi volti dapprima ad introdurre in azienda metodologie e modelli per la definizione delle strategie e delle politiche aziendali e poi lo sviluppo applicativo ed operativo delle stesse attraverso specifici action plan orientati al risultato. A titolo esemplificativo si citano i progetti di sviluppo del business ed i piani di fattibilità collegati, la determinazione delle competenze e delle risorse necessarie, la definizione dei fabbisogni tecnici e finanziari ecc..;
  • La gestione dei processi, ovvero interventi orientati a definire, ottimizzare, monitorare e integrare i processi aziendali, con l’effetto di rendere prevalenti le attività interfunzionali rispetto a quelle funzionali. Significativo potrebbe essere anche l’uso delle funzioni temporanee di scopo;
  • La gestione amministrativa snella ed efficace ed il controllo connesso, ovvero interventi dedicati alla diffusione di metodi e di strumenti volti a realizzare e ottimizzare le prassi programmatorie, il controllo dinamico della gestione, l’elaborazione dei budget, l’individuazione delle inefficienze e la loro eliminazione, la riduzione dei costi;
  • Le responsabilità ed bilancio sociale dell’impresa: ovvero come aiutare l’impresa che viene chiamata a rispondere dell’utilizzo delle risorse e dell’impatto ambientale e sociale(benessere/malessere) che direttamente o indirettamente produce;
  • Lo sviluppo manageriale delle figure chiave: introduzione di tecniche e strumenti per migliorare le competenze personali, relazionali e di leadership dei manager, le abilità di progettazione e gestione del cambiamento, le capacità di dare forma a nuovi modelli organizzativi, l’abilità nella regolazione dei circuiti decisionali e nella gestione di situazioni complesse, la motivazione dei collaboratori e lo sviluppo delle potenzialità professionali;
  • L’attuazione di modelli di sviluppo delle competenze e sistemi di valutazione connessi: individuare interventi volti a mappare le competenze presenti all’interno dell’organizzazione e individuare “core competence” e competenze attese, attuare sistemi di valutazione condivisi per le prestazioni, lo sviluppo delle competenze professionali e la valutazione e la crescita delle potenzialità professionali;
  • Interventi per analisi dei gaps del contesto tecnico – produttivo e determinazione della loro rimozione partendo da studi di mercato, da confronti innovativi sui prodotti, sui processi produttivi, sulle aree produttive(compresa le logistiche), le tecnologie, le peculiarità del business del settore di riferimento;
  • Implementazione degli strumenti Lean;
  • Interventi per l’ottimizzazione dell’efficienza energetica;
  • Acquisizione di Know How e trasferimento tecnologico;
  • Progettazione e controllo di piani industriali di medio periodo, con uso di strumenti gestionali di ultima generazione.

La Gestione dei progetti prevede i seguenti passi metodologici:

  1. Definizione degli obiettivi e dei risultati attesi
  2. Analisi di fattibilità, con determinazione fabbisogni sulla base delle risorse disponibili: umane, tecnico –produttive, finanziarie ecc
  3. Piano scalare di raggiungimento degli obiettivi
  4. Valutazione dei costi/benefici
  5. Business plan
  6. Progetto esecutivo completo di cronoprogramma, mansionario e flussi operativi
  7. Monitoraggio in itinere e verifiche intermedie
  8. Analisi scostamenti e ri-pianificazione
  9. Verifica finale

Per l’attuazione dei progetti Interconsulting si propone per i servizi di Capoprogetto e/o di coordinamento della cabina di regia aziendale del progetto.

Alcuni esempi di linee di progetti:

  1. Coordinamento di Progetti di ricerca e sviluppo
  2. Sviluppo delle attività post ricerca e/o brevettazione per messa a frutto dei risultati della ricerca, dei brevetti e dei marchi
  3. Scouting commerciale
  4. Internazionalizzazione dell’impresa
  5. Progetti di revisione e miglioramento organizzativo con introduzione di nuove tecniche e metodologie operative/li>
  6. Introduzione di metodiche e strumenti di pianificazione e controllo gestionale
  7. Eliminazione degli sprechi e ricerca delle efficienze
  8. Service di reporting periodico di pianificazione e controllo
  9. Passaggio generazionale
  10. Partnership ed aggregazioni di imprese
  11. Reti di impresa
  12. Formazione continua
  13. Conseguimento di Certificazioni Internazionalmente riconosciute
  14. Implementazione del MOG 231
  15. Adeguamento alle normative della sicurezza e dell’ambiente